Sussurri dell’Anima

Sussurri Ex Convento S. Francesco

Sussurri Ex Convento S. Francesco

SUSSURRI DELL’ANIMA
…un momento per raccogliersi, un momento per gioire e rendersi conto che siamo vivi…come dice il maestro Osho: “Vivi con gioia infinita e con gioia infinita muori..”. Sussurri dell’ Anima è un omaggio a quegli esseri che da sempre hanno spinto l’umanità verso ciò che c’è di meglio: la pace, la gioia, la pienezza…

Voce: Gianluca Jean Cerioni
Chitarra classica: Les Amis
Gaetano Di Grazia e Federica Basso

Sussurri dell’anima è una lettura di brani tratti da discorsi di maestri spirituali e uomini di pensiero sul tema della spiritualità ed è accompagnata da brani musicali che spaziano tra la musica classica e la moderna, alcuni di noti compositori e altri scritti appositamente per l’evento da Gaetano di Grazia.

Condividi

Cena con il delitto? Sì, ma per gioco

 

Gianluca Cerioni - cena con il delitto

Mercenario Russo

Eccomi a parlare di una nuova esperienza.
Si tratta di intrattenere il pubblico in un luogo insolito, lontano dal palco e dallo spazio scenico del teatro: il ristorante.
L’esperienza delle “cene con il delitto” o “cene a tema” o ancora “cene spettacolo” mi ha messo a dura prova come attore sulla capacità d’intrattenere, ma anche il comprendere a fondo che lo spettacolo o la performance dipende molto dal pubblico che ti ritrovi. Spesso molte distrazioni affaticano il tuo lavoro, ma tu devi essere presente in quello che fai cogliendo ciò che d’improvviso può capitare per trasformarlo e adattarlo a quella che è la storia, il testo. Chiaramente il ristorante risulta una “trincea” per l’attore, diverso ancora da quella che può essere una performance in una piazza o vicolo di paese ed è ancora più sentito “lo stare con quello che c’è”.

 

Gianluca Cerioni - cena con il delitto

Conte Vlad - cena in maschera

L’attore deve “strisciare” tra i tavoli, tenere a bada i commensali più vivaci e ravvivare quelli più distratti. I tempi di attesa sono lunghi una portata e si esce ed entra in scena più volte.
Altresì interessante è stato far prendere il sopravvento alla voce per caratterizzare i personaggi che ho sostenuto.
Mi son ritrovato a lavorare con persone nuove e provenienti da esperienze artistiche differenti tra loro, un copione in mano senza regia. Fin dalla prima storia ho pensato che vista la mia affinità con le cadenze dialettali italiane e straniere, potesse essere un primo passo per “entrare” nel personaggio (non sono un poliglotta, imito la cadenza vocalica).

 

Gianluca Cerioni - cena con il delitto

Mercenario Russo (foto di Alice Brunello Luise)

Poi sono arrivati i gesti e il movimento.
Non sono mancate improvvisazioni di ogni genere e in ognidove senza rischiare di uscire dalla storia.
Successo tra il pubblico con riscontri positivi ed altà credibilità riguardo la provenienza del personaggio e a fine serata, in vari appuntamenti, ho provato più volte a dire che ero veneto… con scarso risultato!
Ho assaporato il piacere di giocare con la voce caratterizzando i personaggi e ricordando di quando da piccolo e da ragazzo, piuttosto che andare in sala giochi, chiamavo gli amici vicini di casa per stare davanti alla TV ad imitare vari personaggi dello spettacolo.

 

Gianluca Cerioni - Assicuratore milanese

Assicuratore milanese - con Valentina Zocca

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Investigatore siciliano

Ricordo che si crepava dalle risate tra di noi, non tanto per la trasmissione televisiva che non veniva seguita, ma quanto le voci che uscivano dalle nostre bocche.
Che sia stata un’autoformazione o che sia un affinità riscoperta non lo so ancora, ma di certo è un piacere divertirsi-divertendo gli altri.

 

Grazie dell’attenzione 🙂

 

 

 

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Mercenario Russo (foto di Alice Brunello Luise)

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Conte Vlad - cena in maschera

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Conte Vlad - cena in maschera - con Lara Bello

 

 

 

 

 

 

 

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Assicuratore Milanese

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Mercenario Russo

Cena con il delitto - Gianluca Cerioni

Mercenario Russo

Condividi

Pozzetto di Cittadella (PD) – L’ultimo legge Lavinia

Eccoci arrivati a Pozzetto di Cittadella.

In occasione della rassegna teatrale per famiglie “La luna nel pozzo”.

Il luogo non sembra essere adatto ad uno spettacolo, invece quello sfondo giallo luminoso caratterizzerà la scena dell’evento sorprendendo il pubblico e gli attori.

Forse siamo pronti per considerarci tra attori e performer del site specific? Mah… ad ogni modo lo spettacolo è riuscito ad emozionare il pubblico: bambini e adulti. Con immenso piacere da parte degli attori che ringraziano della partecipazione e della condivisione di questo momento passato insieme, in una storia divertente e ricca di piccoli messaggi, qualcuno forse “nascosto”, che ci piace pensare possano essere utili strumenti di osservazione nella vita di ogni giorno, nei rapporti con le altre persone.

Condividi
in posa Gianluca Jean Cerioni e Luisanna Serra

Russi (RA) – Piccolo teatro “La Fenice”

Le foto del Piccolo Teatro “La Fenice” alla “FIRA DI SETT DULUR” svoltasi a Russi in provincia di Ravenna. Un’antica fiera in un paese dove si respira l’aria di un tempo passato, tra piccoli vicoli e grandi spazi.

Un ottimo scenario nel quale il piccolo teatro La Fenice trova il suo posto. Un contorno adatto per aggiungere valore al mistero di cosa si celerà all’interno di quella “scatola” e di far perdurare quella scia di intima emozione anche solo per qualche secondo in più.

Condividi

Totem

Energia che esce da dentro

Energia che esce da dentro

TOTEM
con Farmacia Zoo:E’

(foto di Davide Gasparetti)

Un’azione di esorcizzazione personale che diviene pubblica attraverso la via che predispone l’attore alla “non esibizione”. Scevra da ogni intento voyeuristico, la performance finale TOTEM, si presenta come vero e proprio momento rituale in cui gli attori invitano il pubblico alla condivisione di un’ esperienza, aprendo ad esso, con soggettiva discrezione, le porte delle loro più intime stanze.

Svuotare se stessi dal superfluo per lasciarsi colmare dall’utile. Spegnere il fuoco che distrugge per accendere la fiamma che scalda: TOTEM è un atto di consapevolezza che parte dall’anima e si manifesta attraverso il corpo.

Il teatro come forma utile all’anima per Essere.

 

Caricando energia

Caricando energia

Condividi

La Divina Commedia – Inferno

Dante - Nel mezzo del cammin di nostra vita...

Dante nella selva oscura

La Divina Commedia

lettura con musica e installazione sonora

con Livio Vianello e Gianluca Cerioni

La divina commedia – Inferno: I, III, V canto. Una possibilità diversa di entrare nella “La divina commedia”: attraverso l’ascolto piuttosto che la lettura frammentata dalle note a piè di pagina. Un lettore e un musicista ricreano col suono delle parole e degli strumenti i paesaggi e le emozioni che la lettura tradizionale del testo tendono a celare.

OBIETTIVI E FINALITÀ

– promuovere la lettura

– incentivare le capacità di ascolto

– promuovere la conoscenza dei classici

Durata: 35/40 minuti
Spazi richiesti: area priva di rumori, larghezza 3m. – profondità 2m.
Materiali richiesti: una sedia.

Condividi

Polifemo – Odissea

Ulisse e i suoi compagni accecano Polifemo

Ulisse e i suoi compagni accecano Polifemo

Polifemo – Odissea

lettura con musica e installazione sonora

con Livio Vianello e Gianluca Cerioni

Con l’aiuto di un piccolo allestimento sonoro e scenografico viene letto ad alta voce il canto IX dell’Odissea, quello del ciclope Poliremo, uno dei più suggestivi del poema. Sarà come salire sulla nave di Ulisse e fare parte del viaggio con il suo equipaggio assaporando il suono del mare e il canto del Mediterraneo.

OBIETTIVI E FINALITÀ

– promuovere la lettura

– incentivare le capacità di ascolto

– promuovere la conoscenza dei classici

Durata: 35/40 minuti
Spazi richiesti: area priva di rumori, larghezza 3m. – profondità 2m.
Materiali richiesti: una sedia.

Condividi

La morte di Ettore – Iliade

Scontro tra Ettore e Achille

Achille uccide Ettore

La morte di Ettore – Iliade

lettura con musica e installazione sonora

con Livio Vianello e Gianluca Cerioni

Lettura integrale del XXII canto dell’Iliade di Omero nella traduzione in prosa di M.G. Ciani.
L’intento della proposta è quello di ridare voce all’epica andando a recuperare l’oralità e la musicalità che la contraddistingueva. Al caldo suono della voce prendono corpo e vita gli eroi più conosciuti, Ettore dall’elmo splendente e il veloce Achille. E’ il loro duello finale, lo scontro tra due culture, il momento della verità per i protagonisti del poema.

OBIETTIVI E FINALITÀ

– promuovere la lettura

– incentivare le capacità di ascolto

– promuovere la conoscenza dei classici

Durata: 35/40 minuti
Spazi richiesti: area priva di rumori, larghezza 3m. – profondità 2m.
Materiali richiesti: una sedia.

Condividi

La Notte Racconta

La Notte Racconta - gli attori

La Notte Racconta - gli attori

LA NOTTE RACCONTA

Liberamente tratto da “La notte racconta” di Rafik Shami
(nuova edizione dal titolo “La voce della notte”)
con Gianluca Cerioni, Maria Grazia Pastori, Livio Vianello
regia di Livio Vianello , musiche di Luca Carrara

La Notte Racconta - scena con narratore

La Notte Racconta – scena

Delicata e coinvolgente storia dal sapore orientale, narrata da Livio Vianello, danzata da Maria Grazia Pastori e musicata da Gianluca Cerioni.
Il pubblico viene invitato da due uomini ad accomodarsi su morbidi tappeti dai mille colori, mentre una musicista suona un organetto; ad ogni partecipante viene offerta una tazza di tè e improvvisamente ognuno si trova a fare parte di uno spettacolo teatrale in cui lo spazio scenico è sparito….

La Notte Racconta - con pubblico

La Notte Racconta - con pubblico

Adagiati sul tappeto magico, rincuorati dal profumo del tè, gli spettatori si lasciano ammaliare dalla voce musicale dell´attore, dalle movenze aggraziate della danzatrice e dal suonatore di tampura e percussioni: la notte improvvisamente racconta… Racconta una fiaba che ha il potere, come tutte le fiabe, di rivolgersi a grandi e piccini, ad adulti e bambini, di evocare immagini, di richiamare emozioni profonde. Una storia che viene da lontano e che si narra abbia il potere di allungare la vita, di capire chi ci è lontano, di ricordare che c’è ancora qualcosa che non ha prezzo, a chi la ascolta e a chi la racconta.

 

La Notte Racconta scena con attore e musico

La Notte Racconta - attore e musico

La Notte Racconta - una scena

La Notte Racconta - una scena

Esigenze tecniche: massimo 150/180 spettatori; il pubblico siede su tappeti che sono tutt’uno con lo spazio scenico.
Presa allacciamento 220V/380V – assorbimento:  min 3 Kw – max 6 Kw

Condividi

L’ultimo legge Lavinia

Lavinia e la fata

Lavinia e la fata

L’ultimo legge Lavinia

liberamente tratto da “L’incredibile storia di Lavinia” di Bianca Pitzorno

di e con Gianluca Cerioni, Oreste Sabadin, Livio Vianello
regia di Livio Vianello


Massimiliano Marsupiali e Lavinia

Massimiliano Marsupiali e Lavinia

Il direttore dell'albergo e Lavinia

Il direttore dell'albergo e Lavinia

Lo spazio scenico vuoto si riempie, lentamente, di tre leggìi e di tre stralunati musicisti che sembrano capitati lì per caso. In effetti non sanno bene che cosa devono suonare, per chi, a che ora precisa. Nell’attesa cincischiano, prendono tempo, finchè qualcuno dirà loro che devono mettere in scena la storia di Lavinia. Quale Lavinia? La storia incredibile della piccola fiammiferaia uscita dalla penna di Bianca Pitzorno, una delle più importanti scrittrici per ragazzi italiana.
I tre musicisti non si perdono d’animo e si trasformeranno all’improvviso in tre improbabili attori che cercano al momento dei costumi, degli oggetti per raccontare al meglio la storia al pubblico di bambini che hanno davanti. E allora, facendo ricorso alle loro valigie, alle loro tasche, ai loro strumenti si potrà cercare di raccontare la storia. E la storia sarà alla fine raccontata, attraverso una serie continua di gag. di rimpalli tra gli “attori” che cercano il più possibile di scaricarsi le parti tra loro, che entrano ed escono dai personaggi, entrano ed escono dal testo che nessuno, ovviamente conosce a memoria e che deve essere letto o suggerito da un compagno.
Ne esce fuori uno spettacolo scoppiettante che con pochissimi elementi ci porta in una fredda notte di natale a Milano in compagnia di una piccola fiammiferaia, una fata pasticciona, un anello magico e… tanta cacca.

 

Momenti a fine spettacolo

Momenti a fine spettacolo

Momenti a fine spettacolo

Momenti a fine spettacolo

Momenti a fine spettacolo

Momenti a fine spettacolo

 

 

 

 

 

 

 

 

Fascia d’età consigliata: dai 5 anni in su
Tecniche utilizzate: teatro d’attore
Durata: circa 50 minuti

 

 

 

Luoghi che “Lavinia” ha visitato:
  • Teatro accademico di Castelfranco Veneto (TV)
  • Teatro Goldoni (Venezia)
  • un po’ di corti, cortili, piazze, auditorium
Condividi